Donald Trump non sarà un Presidente ideologico, non ha una visione del mondo da affermare, e non deve nulla a nessuno. Niente al partito, perché ha corso contro l’establishment, e poco ai donatori, perché ha raccolto e speso meno della metà dei soldi di Hillary Clinton. Per tutte queste ragioni, alcuni arrivano a definirlo il primo Presidente libero, nel senso che non ha cambiali da pagare, a parte quella firmata con i sessanta milioni di Americani che l’hanno mandato alla Casa Bianca.

Per continuare a leggere, acquista il pdf del numero.

Per abbonarti, visita la nostra pagina abbonamenti.