Due Stati confinanti e alleati, entrambi in difficoltà ma con prospettive diverse. Oggi, 6 anni dopo le proteste della Primavera araba del 2011, l’Algeria e la Tunisia si trovano a un punto di svolta. Le ragioni delle diverse traiettorie dei due Paesi sono complesse e fluide, dovute a storie divergenti e complicate, e a diversi approcci regionali e globali. Una visione comparata può aiutare a capire le differenze, e fornire una base di partenza per una riflessione sul futuro dei due Paesi.

Per continuare a leggere, acquista il pdf del numero.

Per abbonarti, visita la nostra pagina abbonamenti.