La frontiera tra il Messico e gli Stati Uniti è molto più profonda delle rive del fiume che la percorre. A nord arriva a Chicago, a sud fino al Chiapas. È fatta di storia e cultura, dal “soft power” anglosassone nella terra degli Aztechi e dei Maya e da tutto ciò che è messicano negli Stati Uniti. È anche fatta di scambi di tecnologia e scienziati e di milioni di Messicani che lavorano nelle case e nei campi degli Stati pacifici, atlantici e del sud degli Stati Uniti.

Per continuare a leggere, acquista il pdf del numero.

Per abbonarti, visita la nostra pagina abbonamenti.