Olé. Dopo 314 giorni la Spagna ha finalmente un esecutivo. Ma il paesaggio dopo la battaglia ha lasciato sul campo un Paese frammentato e sfinito, dopo mesi di campagna elettorale permanente. Alla fine Mariano Rajoy è riuscito a mantenersi saldo sulla poltrona di Primo ministro. Ha giurato davanti al Re poche ore prima del giorno della commemorazione dei defunti. E oggi si può dire che Rajoy, dato spacciato da molti, è risuscitato.

Per continuare a leggere, acquista il pdf del numero.

Per abbonarti, visita la nostra pagina abbonamenti.