Per il prossimo futuro, a legislazione vigente, almeno una certezza l'Italia può offrirla ai suoi partner e ai mercati: l'ingovernabilità.

Falliti i tentativi di rimettere il Paese in asse con l'Europa, ad opera di Giorgio Napolitano, che aveva rimediato con una sua personale, pervicace e molto discussa azione alla difficoltà in cui ci siamo trovati durante questa lunghissima crisi economica, ora è tempo di fare di nuovo i conti con la realtà. 

In tutti i passaggi chiave degli ultimi anni, l'opera del Presidente della Repubblica è stata decisiva ma all'esito finale clamorosamente inutile.

Per continuare a leggere, acquista il pdf del numero.

Per abbonarti, visita la nostra pagina abbonamenti.