Quando Dennis Aabo Sørensen perse la mano credeva che non avrebbe mai più provato sensazioni tattili con quella parte del corpo. Mentre festeggiava il Capodanno, un grosso petardo gli era esploso tra le dita e, nonostante la corsa in ospedale, i medici furono costretti ad amputare l'intero arto. Il 37enne danese non sapeva che 9 anni dopo l'incidente sarebbe stato scelto per prendere parte al progetto Nebias ed essere il primo uomo al mondo a sperimentare un braccio bionico capace di inviare stimoli e sensazioni al cervello.

Per continuare a leggere, acquista il pdf del numero.

Per abbonarti, visita la nostra pagina abbonamenti.