Una corrispondente offerta globale che punta il bersaglio con grande precisione si è organizzata e sta diventando sempre più onnicomprensiva e tentacolare. Colossali bazar online –Amazon, americano, Alibaba, cinese – offrono ormai tutte le tipologie di merci, materiali e immateriali, a prezzi concorrenziali. Propongono anche piattaforme di pagamento innovative, semplici e di loro proprietà.

Quasi 400 milioni di persone sono coinvolte nel commercio elettronico internazionale e il volume delle merci scambiate a livello globale salirà ancora nel 2017. L’Asia è il continente più vitale in questa crescita, e l’impatto geopolitico di tutto questo è robusto e va compreso e gestito anche a livello politico.

Per continuare a leggere, acquista il pdf del numero.

Per abbonarti, visita la nostra pagina abbonamenti.