L’Art. 1, Comma 2 della Carta delle Nazioni Unite indica come loro fine lo sviluppo di relazioni amichevoli tra le nazioni “fondate sul rispetto e sul principio dell’eguaglianza dei diritti e dell’auto-determinazione dei popoli”. Negli ultimi mesi, questo principio cardine del diritto internazionale moderno è tornato alla ribalta con il referendum in Catalogna, quello nel Kurdistan iracheno e altri previsti a Bougainville-Papua Nuova Guinea, nelle Isole Faroe e in Nuova Caledonia.

L’Organizzazione delle Nazioni e dei Popoli Non Rappresentati (Unpo) è composta da non più di 40 membri in tutto il mondo, tra Stati non riconosciuti, minoranze, popoli indigeni e territori occupati e ha come missione difendere i loro diritti politici, sociali e culturali, il loro ambiente e il loro diritto all’autodeterminazione (AD). Fondata nel 1991 a L’Aia, contribuisce a mitigare i conflitti intra-Stato, oggi il 90%.

Marino Busdachin è Segretario Generale dal 2003. Lo abbiamo incontrato per gettare un po' di luce su un tema di grande attualità ma poco noto all’opinione pubblica.

Per continuare a leggere, acquista il pdf del numero.

Per abbonarti, visita la nostra pagina abbonamenti.