Nove mesi senza accordo tra unionisti del Democratic Unionist Party (DUP) e nazionalisti dello Sinn Féin. L’Irlanda del Nord si trova così senza governo e senza rappresentanti nella fase iniziale dei negoziati sulla Brexit.

La crisi è cominciata a gennaio, quando l’ormai scomparso Martin McGuinness, vice primo ministro e storico militante dello Sinn Féin, si è dimesso. L’obiettivo era costringere alle dimissioni Arlene Foster, la prima ministra del DUP che rifiutava di lasciare il posto, nonostante il coinvolgimento nell’inchiesta su un programma di energia pulita dai costi esorbitanti.

Per continuare a leggere, acquista il pdf del numero.

Per abbonarti, visita la nostra pagina abbonamenti.