Nell’immaginario collettivo, il termine “spionaggio” identifica un’attività risalente fino alla notte dei tempi, fatta di una miscellanea di professionalità, strumenti, espedienti, metodologie, comportamenti e aspetti psicologici di vario genere. Durante la Guerra Fredda le attività d’intelligence produssero intrighi, omicidi, segreti trafugati, agenti doppi, scambio di spie e un’inarrestabile evoluzione di variegate tecnologie.

Per continuare a leggere, acquista il pdf del numero.

Per abbonarti, visita la nostra pagina abbonamenti.