Un tratto di mare ampio che Pechino considera un suo “lago”. Un tratto di mare, il settimo al mondo per ampiezza, su cui rivendicano sovranità altri stati, oltre alla Cina: Taiwan, Filippine, Malesia, Vietnam, Indonesia e Brunei. Un tratto di mare, di 3milioni e 500mila kilometri quadri, nel quale passano merci per il valore di oltre cinquemila miliardi di dollari. Un tratto di mare fondamentale per controllare i commerci marittimi e usufruire delle tante risorse che pare si annidino nel suo fondale. È un tratto di mare chiamato “Mar cinese meridionale” ed è al centro dell'attuale “Grande gioco asiatico”.

Per continuare a leggere, acquista il pdf del numero.

Per abbonarti, visita la nostra pagina abbonamenti.