La vittoria di Vladimir Putin alle elezioni del 18 marzo 2018 è ormai data per scontata, sia in Russia che all’estero. Il presidente in carica gode di un livello di popolarità e fiducia senza pari nel Paese. Per la stragrande maggioranza degli elettori russi il suo nome simboleggia i numerosi sviluppi positivi verificatisi dall’inizio del secolo. La Russia è scampata al pericolo imminente della disintegrazione nazionale, ha assistito a un innalzamento straordinario del tenore di vita, gode di una maggiore sicurezza interna ed estera, e ha cominciato a svolgere un ruolo più attivo a livello internazionale, affermandosi come grande potenza di portata e interessi globali. Tutti fatti risaputi, di cui sia i sostenitori che i critici di Putin devono tener conto se vogliono comprendere le motivazioni alla base della sua persistente popolarità.

Per continuare a leggere, acquista il pdf del numero.

Per abbonarti, visita la nostra pagina abbonamenti.