Dimenticate il risultato. Quando il calcio parla di politica non importa come va a finire la partita: certi equilibri non possono dipendere da un imprevisto. Sono frutto di calcolo, rapporti, attenzioni, potere da gestire, posti di comando da dividere e occupare.

Questa è una partita che si gioca lontano dai campi, si consolida con gli anni. Ed è anche un argomento differente rispetto al posizionamento dei nuovi potenti.

Per continuare a leggere, acquista il pdf del numero.

Per abbonarti, visita la nostra pagina abbonamenti.