Niente è oggi più intricato del gioco strategico tra Berlino, Mosca e Washington. Il triangolo sarebbe già complicato in uno schema in cui gli Stati Uniti continuino a farsi portatori della più tradizionale impostazione atlantista, ma l’arrivo della contraddittoria Presidenza Trump ha mescolato ancora di più le carte sul tavolo. L’intreccio geopolitico va quindi analizzato attraverso il prisma della complessità e ruotando intorno a due punti cruciali ma instabili: il mutare dei rapporti transatlantici tra la Germania e gli Stati Uniti e la storica ambivalenza delle relazioni russo-tedesche.


LEGGI ANCHE : La mini-Merkel dovrà portare a destra una Cdu mai così spaccata


Per continuare a leggere, acquista il pdf del numero.

Per abbonarti, visita la nostra pagina abbonamenti.