spot_img

Ebola: l’Unione Africana vuole riaprire le frontiere


Mentre la fondazione Bill&Melissa Gates annuncia di voler destinare 50milioni di dollari alla lotta contro Ebola in Africa Occidentale (tramite aiuti alle organizzazioni internazionali, alle ong e ai centri di ricerca, da un lato per combattere l’emergenza e dall’altro per sviluppare la ricerca), l’Unione Africana, a sorpresa, decide a maggioranza di sbloccare le frontiere di quei Paesi – Sierra Leone, Liberia, Guinea Conackry – nei quali la diffusione del virus ha causato più vittime.

Mentre la fondazione Bill&Melissa Gates annuncia di voler destinare 50milioni di dollari alla lotta contro Ebola in Africa Occidentale (tramite aiuti alle organizzazioni internazionali, alle ong e ai centri di ricerca, da un lato per combattere l’emergenza e dall’altro per sviluppare la ricerca), l’Unione Africana, a sorpresa, decide a maggioranza di sbloccare le frontiere di quei Paesi – Sierra Leone, Liberia, Guinea Conackry – nei quali la diffusione del virus ha causato più vittime.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La Nato senza ragione

Gli Stati Uniti tornano a parlare di UFO

L’Europa federale