Editoriale


Affermare la laicità dello Stato equivale, a voler parlare seriamente se non “scientificamente”, a dire che gli alberi son fatti di legno. È infatti del tutto immanente al concetto stesso di Stato, nella sua determinatezza storica, e cioè nella sua radicale distinzione sia dalla polis classica, che dalla civitas latina, che dalla res publica christiana medievale, il suo carattere laico.

Affermare la laicità dello Stato equivale, a voler parlare seriamente se non “scientificamente”, a dire che gli alberi son fatti di legno. È infatti del tutto immanente al concetto stesso di Stato, nella sua determinatezza storica, e cioè nella sua radicale distinzione sia dalla polis classica, che dalla civitas latina, che dalla res publica christiana medievale, il suo carattere laico.

 

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Marocco e Israele, ecco l’accordo sulla difesa

Nucleare: a Vienna riaprono i colloqui con l’Iran

La variante sudafricana non esiste!

La Pop Art e la critica del sistema