spot_img

Editoriale


È passato circa un anno da quel 4 ottobre 2009 in cui il neoministro socialista delle Finanze greco ha annunciato che il vero disavanzo pubblico del Paese era il doppio di quello previsto dal governo conservatore precedente (12%del Pil, con un debito tendente al 120%del Pil), provocando il ritorno a una forte instabilità sui mercati finanziari europei e innescando un febbrile dibattito sulla sostenibilità dell’euro. Che cosa pensare della corsa a ostacoli di questa Europa economica e monetaria?

È passato circa un anno da quel 4 ottobre 2009 in cui il neoministro socialista delle Finanze greco ha annunciato che il vero disavanzo pubblico del Paese era il doppio di quello previsto dal governo conservatore precedente (12%del Pil, con un debito tendente al 120%del Pil), provocando il ritorno a una forte instabilità sui mercati finanziari europei e innescando un febbrile dibattito sulla sostenibilità dell’euro. Che cosa pensare della corsa a ostacoli di questa Europa economica e monetaria?

Premessa: in presenza di scosse impreviste come il clamoroso imbroglio sui conti pubblici di un Paese membro – o di scosse assai più dirompenti, come due anni fa il contagio da crisi dei mutui subprimestatunitensi – èsbagliato prendersela con i “cattivi speculatori”. La speculazione ribassista, che nei casi estremi si esprime tramite il ritiro degli investitori istituzionali dalle aste con cui quasi quotidianamente i ministeri del Tesoro devono collocare titoli a rimpiazzo delle varie scadenze del proprio debito, altro non è che la difesa da rischi di perdite future (“fuga verso la qualità”) da parte di questi soggetti che amministrano il risparmio di milioni di famiglie. Un tempo ormai lontano il debito pubblico (“debito sovrano”) di un Paese era collocato quasi esclusivamente nel portafoglio delle famiglie e delle banche dei residenti, le quali avevano scarse possibilità di spostarsi su titoli di migliore qualità. Oggi la globalizzazione dei mercati finanziari rende più fisiologiche che patologiche queste opzioni di fuga dei risparmiatori di qualsiasi Paese da titoli emessi da qualsiasi altro Paese quando sono percepiti come troppo rischiosi rispetto ai rendimenti attesi.

Per evitare il default(anche solo parziale: “riscadenzamento”) del debito sovrano di un Paese dell’area dell’euro non bastano gli annunci unilaterali del Paese in crisi, il cui governo promette prossime politiche economiche virtuose. Per presentarsi alle aste, gli investitori-speculatori devono sapere che governi e banche centrali (a partire dalla Bce) hanno munizioni illimitate per scongiurare il default:possono cioè acquistare oggi ititoli del debito sovrano sotto attacco, impedendone un crollo delle quotazioni e riservandosi di ricollocarli sul mercato quando le aspettative di defaultsi saranno dissolte o comunque ridimensionate. Questa è la risposta che ha dato Bruxelles lo scorso 10 maggio, quando ha varato il pacchetto anticrisi da 750 miliardi di euro (440 dai Paesi dell’Eurozona, 220 dal Fmi), costituendo uno speciale veicolo capace di erogare prestiti o garanzie a Paesi dell’Eurozona in difficoltà. L’eventuale intervento di salvataggio sarà naturalmente condizionato a un concreto piano di rientro dagli squilibri di finanza pubblica del Paese deviante, sotto stretta sorveglianza dei soccorritori. L’alternativa sarebbe stata una sola: lasciare andare alla deriva il debito pubblico del pPaese deviante, in questo caso la Grecia, ma in prospettiva anche Portogallo, Spagna e chissà quali altri, con l’ovvio pericolo di contagio erelativo crollo dei mercati finanziari europei.

Prospettiva che sembra non turbare alcuni pur autorevoli commentatori accademici americani, come John Cochrane della Chicago Business School, il quale sul Wall Street Journal del 18 maggio 2010 (Greek Myths and the EuroTragedy)ha paradossalmente sostenuto che il default di un debito sovrano potrebbe essereil test decisivo della sopravvivenza dell’euro con regole nuove: ogni Paese membro resta il solo responsabile della politica fiscale nazionale, si cancellano dal Trattato di Maastricht i famosi parametri fiscali di deficit e debito rapportati al Pil (peraltro già violati da Paesi virtuosi come Francia e Germania nel 2002-04 sotto la pressione dell’aumento della disoccupazione e della bassa crescita), si rinuncia in partenza ad arrangiare pacchetti di salvataggio e si lascia che gli investitori incauti subiscano le conseguenti perdite sui titoli del Paese in default. Insomma, in attesa di un’Europa con politica fiscale unica.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img