Editoriale


La velocità e la potenza delle ondate rivoluzionarie che si sono abbattute sul mondo arabo erano in parte prevedibili, ma sebbene quasi tutti si aspettassero che un bel giorno l’ordine esistente in quei Paesi si sarebbe modificato, nessuno poteva immaginare l’esatta tempistica e le modalità del cambiamento che stava per avvenire.

La velocità e la potenza delle ondate rivoluzionarie che si sono abbattute sul mondo arabo erano in parte prevedibili, ma sebbene quasi tutti si aspettassero che un bel giorno l’ordine esistente in quei Paesi si sarebbe modificato, nessuno poteva immaginare l’esatta tempistica e le modalità del cambiamento che stava per avvenire.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Autodistruzione imperiale

Trattato del Quirinale: Macron punta sull’Italia

Unione europea: miti e leggende