Editoriale


Ancora una volta, la Francia è al centro della storia europea, di nuovo arbitro delle sorti del processo di integrazione. Tra qualche settimana quasi sessanta milioni di francesi si pronunceranno sulla ratifica della Costituzione. L’alternativa è secca: sì o no, dentro o fuori.

Ancora una volta, la Francia è al centro della storia europea, di nuovo arbitro delle sorti del processo di integrazione. Tra qualche settimana quasi sessanta milioni di francesi si pronunceranno sulla ratifica della Costituzione. L’alternativa è secca: sì o no, dentro o fuori.

Proprio come nel ’54, quando il 30 agosto il voto dell’Assemblea nazionale di Parigi fece fallire la CED, congelando per decenni l’aspirazione a una Comunità politica. Prima di allora, il progetto di unificazione europea aveva mosso alcuni passi e provocato tante discussioni e spaccature. Nel pieno del dopoguerra e della ricostruzione, attorno a quell’idea avevano preso corpo prospettive ambiziose, forse troppo rispetto al livello di maturazione che era stato nel frattempo raggiunto. Vi fu un momento, tra il 1952 e il 1953, in cui il sogno dei padri fondatori parve realizzarsi. Dietro l’angolo gli Stati Uniti d’Europa. Poi, la battuta d’arresto che conosciamo: dovendo bloccare la marcia dell’integrazione politica e della difesa, e sviluppandosi, quasi per via subordinata, attorno alle politiche industriali e commerciali, la Comunità abbandonò le ambizioni politiche puntando tutto sull’economia. Storia alla mano, quel voto non fu per l’Europa la sventura temuta. Senza, probabilmente, non avremmo potuto concentrare le nostre migliori energie sulla costruzione dell’Unione monetaria o sulla liberalizzazione del mercato interno. E magari la Comunità sarebbe oggi una sorta di Consiglio d’Europa in versione ristretta o una riedizione continentale della Nato.

Per il referendum del 29 maggio, invece, non ci saranno prove d’appello. E questo perché abbiamo sempre differito il momento delle scelte, preferendo incassare risultati importanti ma non decisivi, piuttosto che procedere a un responsabile ma pericoloso redde rationem. La realtà è che di rinvio in rinvio l’Europa è cambiata nei fatti. E oggi sarebbe irresponsabile non lanciare un forte campanello d’allarme. Partendo proprio dall’appuntamento francese. Il nodo della ratifica della Costituzione per via referendaria interesserà, infatti, altri 10 Stati, ma non è da escludere che, nel caso in cui un Paese minore o fuori dalla zona euro bocciasse il testo, la crisi conseguente sarebbe superabile. Al contrario, un eventuale no francese

avrebbe i caratteri dell’irreversibilità. Con ripercussioni traumatiche sulla sostenibilità di una costruzione politica orfana di uno dei Paesi fondatori, per di più da sempre motore dell’integrazione.

Indipendentemente dall’esito referendario, tuttavia, gli equilibri dell’attuale architettura comunitaria rischiano di saltare sotto l’urto dell’ennesima spinta contrapposta tra comunitarismo e metodo intergovernativo. A un’articolazione delle competenze condizionata

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img