Egitto: la polizia uccide la rivoluzionaria operaia Shaimaa El-Sabbagh. Oltre 16 morti per il quarto anniversario dalle rivolte


Sono 16 i morti e 35 feriti negli scontri per il quarto anniversario dalle proteste di piazza Tahrir del 25 gennaio 2015: un bilancio destinato a crescere. Scontri tra manifestanti e polizia si sono svolti al Cairo, Alessandria d'Egitto, nel governatorato di Beheira e nel quartiere popolare di Mataryya.

Sono 16 i morti e 35 feriti negli scontri per il quarto anniversario dalle proteste di piazza Tahrir del 25 gennaio 2015: un bilancio destinato a crescere. Scontri tra manifestanti e polizia si sono svolti al Cairo, Alessandria d’Egitto, nel governatorato di Beheira e nel quartiere popolare di Mataryya.

Cairo, Egypt Socialist Popular Alliance Party (SPAP) activist Shaimaa al-Sabbagh receives help after she was shot during a protest by the party in Cairo January 24, 2015. Sabbagh was shot dead with birdshot in central Cairo on Saturday, security sources said, one day before the anniversary of the popular uprising that ousted autocrat Hosni Mubarak in 2011. The security sources did not elaborate. REUTERS/Al Youm Al Saabi Newspaper

La morte di Shaimaa El-Sabbagh

In particolare, la morte di Shaimaa El-Sabbagh segnerà non solo queste nuove contestazioni ma l’intero impegno politico anti-regime della frammentata e divisa sinistra egiziana. Shaimaa, 32 anni, è una vera martire degli operai e dei lavoratori egiziani. È stata uccisa da un poliziotto nel pomeriggio di sabato. L’attivista del partito dell’Alleanza socialista stava partecipando a una manifestazione organizzata dal movimento di sinistra in piazza Talaat Harb, a due passi da piazza Tahrir. La giovane, madre di un bambino di cinque anni, Bilal, stava portando fiori e rose a Tahrir per commemorare i morti delle rivolte del 2011 quando è stata raggiunta da un proiettile di gomma, sparato da un poliziotto che si trovava a pochi metri di distanza da lei. Secondo l’autopsia, il colpo ha perforato cuore e polmoni di Shaimaa. «Il marito, Osama, trasportava in braccio il suo corpo insanguinato, l’ha condotta dietro al caffè Bustan mentre suo figlio Bilal piangeva», ci racconta l’amica e attivista Reem Gamal che ha assistito alla scena. «In ospedale, per dare l’autorizzazione per la sepoltura, hanno chiesto ai familiari di dire che si è trattato di suicidio», ha aggiunto la giovane attivista.

Le reazioni alla morte della giovane attivista

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img