spot_img

Elezioni in Iran: eletto al ballottaggio Masoud Pezeshkian


Il candidato riformista ha preso tre milioni di voti più del candidato conservatore ottenendo il consenso del 53,3% della metà degli elettori iraniani: al secondo turno ha votato infatti il 49,8% degli aventi diritto. Al primo turno l’astensione era stata del 60%.

Il candidato riformista ha preso tre milioni di voti più del candidato conservatore ottenendo il consenso del 53,3% della metà degli elettori iraniani: al secondo turno ha votato infatti il 49,8% degli aventi diritto. Al primo turno l’astensione era stata del 60%.

L’Iran ha scelto: Masoud Pezeshkian è il nono presidente della repubblica islamica. Ha vinto la tornata di ballottaggio con il 53,3% dei voti con tre milioni di voti in più (16,3 contro 13,5 milioni) rispetto all’altro candidato, il conservatore Saeed Jalil, che ha avuto il 44,3% dei consensi. A votare, il 49,8% degli oltre 61 milioni di elettori.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img

Medio Oriente: i nuovi mediatori vengono da est

Nuove turbolenze sull’Himalaya

L’Europa diversa: politica e sport

Perchè l’Europa sottovaluta i Paesi del Golfo

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo