spot_img

Elezioni locali: il Bjp potrebbe prendersi tutto


A Delhi si va verso il record di affluenza, oltre il 65 per cento. Si votava anche in Madhya Pradesh, Rajasthan e Chhattisgarh e, stando ai primissimi exit poll, la destra nazionalista del Bjp pare stia vincendo a mani basse.

A Delhi si va verso il record di affluenza, oltre il 65 per cento. Si votava anche in Madhya Pradesh, Rajasthan e Chhattisgarh e, stando ai primissimi exit poll, la destra nazionalista del Bjp pare stia vincendo a mani basse.

Mentre scrivo è tarda serata indiana, le urne sono ormai chiuse e i media stanno già pubblicando le prime cifre provvisorie, delineando un poker del Bjp in tutti e quattro gli stati (Delhi in India ha status di amministrazione speciale).

Rispettivamente, il Bjp avrebbe sbancato il Rajasthan (130 seggi contro 48 del Congress) e il Madhya Pradesh (144 seggi contro 77 del Congress); in Chhattisgarh la vittoria sarebbe più contenuta (50 a 37) mentre a Delhi si gioca tutto sul filo di lana.

Le prime proiezioni assegnano al Bjp 34 seggi, 20 al Congress e, soprattutto, 13 al movimento anti-corruzione Aap. Se i risultati saranno confermati l’8 dicembre, giorno in cui sarà annunciato l’esito della conta, il Bjp avrebbe ottenuto una vittoria storica, interrompendo la serie di rielezioni di Sheila Dikshit, che col Congress governava New Delhi da tre mandati consecutivi. Arvind Kerjriwal, stremato dalla campagna elettorale, pare che aspetterà l’8 dicembre in un ritiro spirituale/meditativo vipassana.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Quattro anni per Aung San Suu Kyi

Usa-Cina: conflitto inevitabile

Francia, nostalgia di Indochine