Elisabetta e Tomaso, gli “altri” italiani detenuti in India


Elisabetta Boncompagni e Tomaso Bruno sono in carcere in India dal febbraio 2010, condannati in primo e secondo grado all'ergastolo per aver ucciso Francesco Montis, un loro amico e compagno di viaggio. Questa, almeno, la versione delle autorità indiane.

Elisabetta Boncompagni e Tomaso Bruno sono in carcere in India dal febbraio 2010, condannati in primo e secondo grado all’ergastolo per aver ucciso Francesco Montis, un loro amico e compagno di viaggio. Questa, almeno, la versione delle autorità indiane.

 

Il caso è molto complesso e io per primo non ne avevo mai sentito parlare fino a pochi mesi fa, quando ho iniziato ad occuparmi nel dettaglio della vicenda dei due marò in India. Ieri, tramite Facebook, ho saputo che il 3 settembre è fissata l’udienza della Corte suprema indiana (ultimo grado di giudizio in India) per discutere dell’annullamento delle sentenze precedenti e, sperano gli amici e i famigliari di Tomaso ed Elisabetta, ridare la libertà ai due che si sono sempre dichiarati innocenti.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img