spot_img

Ergastolo a Bo Xilai, le prime impressioni


Ergastolo a Bo Xilai, per essere certi di non avere una rinascita politica dell'ex leader di Chongqing. E' questo il risultato del processo a seguito del più clamoroso scandalo politico degli ultimi trent'anni in Cina. Secondo la Corte di Jinan, ma secondo il parere di fonti cinesi la sentenza sarebbe stata decisa e voluta da Xi Jinping e i leader del Partito, Bo Xilai avrebbe preso oltre 3 milioni di dollari in mazzette e avrebbe abusato della sua posizione per impedire le indagini sull'omicidio dell'uomo britannico, ucciso secondo la giustizia cinese, dalla moglie di Bo, Gu Kailai, condannata alla pena di morte sospesa. Nel dettaglio, Bo è stato condannato all'ergastolo per il reato di corruzione (che prevedeva 10 anni come minimo, e la pena capitale come massimo), 15 anni per appropriazione indebita (minimo 10 anni, massimo pena capitale), sette anni per abuso di potere (massima pena prevista).

Ergastolo a Bo Xilai, per essere certi di non avere una rinascita politica dell’ex leader di Chongqing. E’ questo il risultato del processo a seguito del più clamoroso scandalo politico degli ultimi trent’anni in Cina. Secondo la Corte di Jinan, ma secondo il parere di fonti cinesi la sentenza sarebbe stata decisa e voluta da Xi Jinping e i leader del Partito, Bo Xilai avrebbe preso oltre 3 milioni di dollari in mazzette e avrebbe abusato della sua posizione per impedire le indagini sull’omicidio dell’uomo britannico, ucciso secondo la giustizia cinese, dalla moglie di Bo, Gu Kailai, condannata alla pena di morte sospesa. Nel dettaglio, Bo è stato condannato all’ergastolo per il reato di corruzione (che prevedeva 10 anni come minimo, e la pena capitale come massimo), 15 anni per appropriazione indebita (minimo 10 anni, massimo pena capitale), sette anni per abuso di potere (massima pena prevista).

 

Queste accuse, in realtà, contano poco perché il processo, così come la sentenza ha principalmente motivazioni politiche.

La famiglia Bo Xilai dunque finisce, almeno in teoria, la propria epica cavalcata politica con due ergastoli, che pesano come macigni sulle ambizioni di quella fazione «neo maoista» a capo della quale si era stagliata la stella politica di Bo Xilai.

Il suo regno a Chongqing, fatto di politiche sociali, finanziamenti statali (Chongqing era cresciuta anche al 16 percento) e commesse di multinazionali straniere (basti pensare alla Hewlett Packard) aveva creato il mito del «modello Chongqing», una forzatura giornalistica e mediatica (il modello economico della città è piuttosto comune in Cina) che aveva però spinto Bo Xilai sulla scena nazionale e internazionale, come un papabile tra i sette che oggi governano il paese.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img