spot_img

Etiopia: colloqui di pace tra Governo e Esercito di liberazione Oromo


Dopo l’accordo firmato con il Fronte popolare del Tigray, il governo di Abiy Ahmed – premio Nobel per la pace nel 2019 - inizia a trattare con il più numeroso gruppo etnico etiope, gli Oromo, da decenni esclusi dai ruoli di potere.

Pietro Malesani Pietro Malesani
Pietro Malesani [TORINO] autore freelance, è appassionato di Germania e di Africa. Cofondatore della newsletter sulla Germania Il Fendinebbia, collabora con Altreconomia.

Dopo l’accordo firmato con il Fronte popolare del Tigray, il governo di Abiy Ahmed – premio Nobel per la pace nel 2019 – inizia a trattare con il più numeroso gruppo etnico etiope, gli Oromo, da decenni esclusi dai ruoli di potere.

Il governo etiope e l’Esercito di liberazione Oromo, un gruppo ribelle meglio conosciuto con la sigla OLA, hanno iniziato dei colloqui di pace sull’isola di Zanzibar, in Tanzania. La notizia è stata annunciata da un portavoce della milizia ed è stata in seguito riportata da numerosi media internazionali, tra cui Reuters, Africanews e France24.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img
rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo