spot_img

Etiopia: il premier ordina l’attacco alla capitale del Tigrè


Il Primo Ministro dell'Etiopia ha ordinato l'attacco alla capitale della regione del Tigrè, Macallè. Si temono nuove ondate di profughi verso il Sudan

Il Primo Ministro dell’Etiopia ha ordinato l’attacco alla capitale della regione del Tigrè, Macallè. Si temono nuove ondate di profughi verso il Sudan

Rifugiati etiopi, in fuga dai combattimenti in corso nella regione del Tigray, in coda per l’acqua, al campo di Fashaga, al confine tra Sudan ed Etiopia, nello Stato di Kassala, Sudan, 24 novembre 2020. REUTERS/Mohamed Nureldin Abdallah

Il Primo Ministro dell’Etiopia Abiy Ahmed ha detto che l’offensiva militare nel Tigrè, iniziata il 4 novembre, ha raggiunto la “fase finale” e ha ordinato all’esercito di attaccare la capitale della regione, Macallè. Il Governo federale aveva dato un ultimatum di 72 ore al Tplf – il Fronte di liberazione del Tigrè, il partito che controlla la regione – per arrendersi.

Narrazioni contrastanti

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img