spot_img

European Vending Association ovvero come crescere all’estero


Non tutto il made in Italy è in sofferenza. Ci sono settori come quello della macchine per la distribuzione di prodotti alimentari che vanno benissimo, e che hanno una quota di export del 60%. Lo spiega in questa intervista l’altoatesino Augusto Garulli, presidente dell’associazione di settore e di Eva, European Vending Association. Che confida di ritenere la Cina un interessantissimo mercato di sbocco per gli italiani.

Non tutto il made in Italy è in sofferenza. Ci sono settori come quello della macchine per la distribuzione di prodotti alimentari che vanno benissimo, e che hanno una quota di export del 60%. Lo spiega in questa intervista l’altoatesino Augusto Garulli, presidente dell’associazione di settore e di Eva, European Vending Association. Che confida di ritenere la Cina un interessantissimo mercato di sbocco per gli italiani.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania