spot_img

Everyday I’m (still) çapuling


"Everyday I'm Çapuling!" è diventato in breve tempo il tormentone delle proteste di Gezi Park, un po’ come lo slogan commerciale di una celebre pubblicità. I manifestanti si sono appropriati di questo termine originariamente offensivo, trasformandolo con sapiente ironia nella loro divisa, reinventando il significato originale del termine. Ma, a più di due mesi di distanza dallo scoppio delle proteste, in che misura i giovani del movimento stanno ancora “çapulando”?

“Everyday I’m Çapuling!” è diventato in breve tempo il tormentone delle proteste di Gezi Park, un po’ come lo slogan commerciale di una celebre pubblicità. I manifestanti si sono appropriati di questo termine originariamente offensivo, trasformandolo con sapiente ironia nella loro divisa, reinventando il significato originale del termine. Ma, a più di due mesi di distanza dallo scoppio delle proteste, in che misura i giovani del movimento stanno ancora “çapulando”?

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La Nato senza ragione

Gli Stati Uniti tornano a parlare di UFO

L’Europa federale