spot_img

Colpo basso per Facebook: parla l’ex ingegnere informatico


Frances Haugen ha consegnato al Wall Street Journal materiali e comunicazioni interne che il network avrebbe preferito non svelare. L'ennesimo danno all'immagine pubblica del social, ma non solo. C'è anche Instagram...

Martino Mazzonis Martino Mazzonis
Giornalista e ricercatore, è autore di Come cambia l’America (con Mattia Diletti e Mattia Toaldo, 2009) e di Tea party (con Giovanni Borgognone, 2011).

Frances Haugen ha consegnato al Wall Street Journal materiali e comunicazioni interne che il network avrebbe preferito non svelare. L’ennesimo danno all’immagine pubblica del social, ma non solo. C’è anche Instagram…

Se solo Mark Zuckerberg potesse silenziare tutti coloro che hanno lavorato per lui lo farebbe. L’ultima è Frances Haugen, che Facebook aveva assunto per occuparsi di proteggere il social network dalle interferenze elettorali a ridosso e dopo il voto presidenziale del novembre 2020 e che nelle settimane scorse ha passato al Wall Street Journal una quantità di materiali e comunicazioni interne che il gruppo con sede a Menlo Park avrebbe fatto volentieri a meno di rendere pubblici. Conosciamo il nome della whistleblower che ha lasciato il gruppo nel maggio scorso perché Haugen ha deciso di rendere pubblica la sua denuncia concedendo un’intervista a 60 Minutes nella quale rende noto che domani (5 ottobre) testimonierà davanti al Congresso, cui pure ha fatto avere i file trasmessi al quotidiano economico.

Cosa ha detto Frances Haugen

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img