EN

eastwest challenge banner leaderboard

ITALIA CHIAMA EUROPA

La professoressa sospesa

Indietro

Gli studenti redigono un compito poco approfondito. Ma non spetta alla politica giudicarlo…

La vicenda della professoressa palermitana merita un approfondimento e una riflessione, specie da chi vive per professione il mondo della scuola e dell’università, e ambisce alla formazione dei millenialls.

Dico subito che non vedo in Italia alcun allarme fascismo. La dittatura è stata una cosa seria e orribile. E nulla può essere confuso con una dramma così reale. Così come nulla dovrebbe essere paragonato all’olocausto e all’orrore indicibile che ha rappresentato. Farlo, non rafforza la causa di chi vuole mettere in guardia dai pericoli attuali che un malinteso senso della storia e della memoria possono generare. Per questo non mi è piaciuto per nulla il video degli studenti al centro di questa vicenda. Lo trovo inesatto e in alcuni tratti insensato.

Fossi stato la professoressa in questione, avrei apprezzato la passione degli studenti e poi avrei messo loro un voto insufficiente per le confusioni storiche e le inesattezze riportate nel video. Non certo per le loro opinioni: se un docente assegna un compito sull’attualità non dovrebbe mai fondare il proprio giudizio sulle opinioni espresse dai ragazzi. Ma semmai sulla coerenza delle argomentazioni a supporto, sulla conoscenza dei fatti storici e sulla logica complessiva del lavoro.

Ma il punto è un altro: punire la professoressa per omesso controllo è un gesto grave perché afferma l’idea di un potere (quello del Governo) che ritiene di potere essere permeante in ogni aspetto della vita pubblica e privata di questo Paese e richiede ad altri poteri, minori come nel caso di una professoressa di scuola verso i propri alunni, di fare lo stesso addirittura invocando un controllo sulle opinioni dei ragazzi. Per questo spero che il Governo sappia fare ammenda dell’“eccesso di zelo” del Ministro e in caso contrario auspico che la professoressa trovi tutela contro questa decisione in ogni sede opportuna.

Ma se forse è una novità in Italia un Governo, come è l’attuale, in permanente campagna elettorale e così incline a sollecitare riflessioni “di pancia” e fortemente divisive, nonché spesse volte espressione di una cultura politica, a mio giudizio, assai discutibile, non lo è di certo un potere politico che interpreta il potere in modo esorbitante rispetto al proprio ruolo. Ecco, su questo esorterei i ragazzi a rimanere vigili sempre. Il potere rimane espressione di una legittimazione democratica se rimane entro i limiti ad esso imposti dal diritto. E la massima espressione di impegno politico e civile è vigilare affinché tali limiti non siano oltrepassati da alcuno.

Tuttavia, mi ripeto, non esiste in Italia alcun allarme serio per la tenuta democratica del Paese. Il Presidente della Repubblica è arbitro vigile e attento del rispetto dei principi costituzionali che Egli ha l’obbligo e l’onore di dovere fare rispettare a coloro che esercitano, pro tempore, il potere legislativo ed esecutivo. Per questo esistono organi di garanzia indipendenti e a loro volta responsabili del proprio operato. Si chiama democrazia. E in democrazia il ruolo delle opposizioni non può e non deve essere quello di gridare “Al lupo! Al lupo!”: perché evocando il lupo ogni momento, questi prima o poi potrebbe arrivare davvero.

Ma come ci insegna la storia, a quel punto nessuno ci crederebbe più.

@ClaudioCorbino

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA