spot_img

Fermata Ikebukuro: un lago in un sacchetto


“Ma perché sei andato a stare così tanto in ‘campagna’?”. Tra tutto quello che mi sono sentito dire in Giappone — gli apprezzamenti di rito per il mio giapponese, i complimenti sinceri per i miei denti dritti — questa è sicuramente una delle frasi che più mi ha colpito nei miei anni di frequentazione con il Giappone. Io fino a quel momento in campagna credevo di non esserci mai stato.

“Ma perché sei andato a stare così tanto in ‘campagna’?”. Tra tutto quello che mi sono sentito dire in Giappone — gli apprezzamenti di rito per il mio giapponese, i complimenti sinceri per i miei denti dritti — questa è sicuramente una delle frasi che più mi ha colpito nei miei anni di frequentazione con il Giappone. Io fino a quel momento in campagna credevo di non esserci mai stato.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania

La Nato senza ragione