spot_img

In Gran Bretagna la chirurgia plastica ai genitali potrebbe diventare illegale


La scorsa settimana la commissione parlamentare per gli affari interni ha fatto un appello al governo di Londra chiedendo l’ampliamento della legge contro le mutilazioni dei genitali femminili (MGF) del 2003 ad includere gli interventi di chirurgia platica sui genitali a scopo puramente estetico. Il governo ha risposto che la legge non prevede eccezioni per questo tipo d’interventi, quindi non vi è alcun bisogno di un emendamento.

La scorsa settimana la commissione parlamentare per gli affari interni ha fatto un appello al governo di Londra chiedendo l’ampliamento della legge contro le mutilazioni dei genitali femminili (MGF) del 2003 ad includere gli interventi di chirurgia platica sui genitali a scopo puramente estetico. Il governo ha risposto che la legge non prevede eccezioni per questo tipo d’interventi, quindi non vi è alcun bisogno di un emendamento.

Già lo scorso dicembre il ministro dell’interno, Theresa May, aveva avvertito i chirurghi estetici che fanno ritocchi estetici ai genitali femminili (i cosiddetti “vagina designers”) che potrebbero star commettendo un reato. I ritocchi includono interventi di labioplastica, il rimodellamento delle piccole labbra, di ringiovanimento della vagina, e di amplificazione della superficie e l’esposizione del “punto g”. Sono diventati sempre più richiesti negli ultimi anni e i dati ufficiali de National Health Service (NHS) mostrano un aumento quintuplo degli interventi di labioplastica nel corso dell’ultimo decennio con ben 2.000 interventi effettuati solo nel 2010. Questi però sono i dati per gli interventi a scopo terapeutico, i dati degli interventi a scopo puramente estetico non sono pubblici perché questi interventi vengono effettuati nelle cliniche private. Il presidente della commissione parlamentare, ha commentato l’appello dicendo: “Come possiamo dire alle comunità in Sierra Leone e Somalia di mettere fine a una pratica che è permessa qui in Harley Street (Londra)?”.

Ma la chirurgia plastica per i genitali e le MGF sono davvero la stessa cosa?

Le MGF sono state rese illegali nel Regno Unito nel 1984 e dal 2003 chiunque porti un minore all’estero per sottoporlo a MGF rischia fino a quattordici anni in carcere. Gruppi di medici, sindacati e associazioni per i diritti umani hanno calcolato che 66.000 donne nel Regno Unito sono state sottoposte a queste pratiche e 15.000 ragazze sotto i quindici anni sono a rischio. Le bambine possono anche avere solo poche settimane quando vengono sottoposte all’intervento.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Quattro anni per Aung San Suu Kyi

Usa-Cina: conflitto inevitabile

Francia, nostalgia di Indochine