spot_img

Filippine, la guerra contro il governo dei separatisti musulmani


La settimana passata - a distanza di un mese dalla catastrofica operazione dell’anti-terrorismo che doveva portare alla cattura di sospetti miliziani islamisti e che invece è costata la vita a 44 agenti – le forze del governo filippino hanno lanciato una nuova operazione nel sud del Paese contro il gruppo «Bangsamoro Islamic Freedom Fighters» (BIFF). Il bilancio dell’intervento armato - non ancora concluso - è di oltre 130 morti e circa 90 mila sfollati.

La settimana passata – a distanza di un mese dalla catastrofica operazione dell’anti-terrorismo che doveva portare alla cattura di sospetti miliziani islamisti e che invece è costata la vita a 44 agenti – le forze del governo filippino hanno lanciato una nuova operazione nel sud del Paese contro il gruppo «Bangsamoro Islamic Freedom Fighters» (BIFF). Il bilancio dell’intervento armato – non ancora concluso – è di oltre 130 morti e circa 90 mila sfollati.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Un futuro (in)sostenibile per la Germania

La Nato senza ragione