Fmi e Cina: i nuovi equilibri


Considerando l’appoggio cinese alla nomina di Christine Lagarde come un tassello di un mosaico che supera i confini dell’Fmi stesso, si possono meglio leggere alcuni aspetti culturali profondi che la Cina manifesta al mondo: in primo luogo, la capacità di progettare e perseguire obiettivi di lungo periodo, con una pazienza che agli occhi degli occidentali può apparire tanto incredibile da venire, talvolta, scambiata per mera inazione.

Considerando l’appoggio cinese alla nomina di Christine Lagarde come un tassello di un mosaico che supera i confini dell’Fmi stesso, si possono meglio leggere alcuni aspetti culturali profondi che la Cina manifesta al mondo: in primo luogo, la capacità di progettare e perseguire obiettivi di lungo periodo, con una pazienza che agli occhi degli occidentali può apparire tanto incredibile da venire, talvolta, scambiata per mera inazione.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

In Europa è ancora Natale

Marocco e Israele, ecco l’accordo sulla difesa

Nucleare: a Vienna riaprono i colloqui con l’Iran