spot_img

Foley e gli altri: gli ostaggi dell’Isis


Il rapimento di James Wright Foley in Siria, avvenuto il 22 novembre 2012 e finito con il tragico epilogo dell'esecuzione il 19 agosto 2014, non è stato il primo e neanche l'ultimo. L'Isis avrebbe in mano, anche se il numero non è confermato, almeno una ventina di ostaggi occidentali.

Il rapimento di James Wright Foley in Siria, avvenuto il 22 novembre 2012 e finito con il tragico epilogo dell’esecuzione il 19 agosto 2014, non è stato il primo e neanche l’ultimo. L’Isis avrebbe in mano, anche se il numero non è confermato, almeno una ventina di ostaggi occidentali.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Fake news sull’Unione europea

Una mappatura dell’ascesa cinese nei Balcani occidentali