spot_img

Francia, nostalgia di Indochine


Nell'Indo-Pacifico vivono 1,6 milioni cittadini francesi e 7mila militari. Nell’area, la Francia possiede una Zona economica esclusiva da 10,2 milioni di kmq, la seconda più grande al mondo

Danilo Ceccarelli Danilo Ceccarelli
Giornalista freelance, collabora come corrispondente per diverse testate su temi di politica francese e internazionale.

Nell’Indo-Pacifico vivono 1,6 milioni cittadini francesi e 7mila militari. Nell’area, la Francia possiede una Zona economica esclusiva da 10,2 milioni di kmq, la seconda più grande al mondo

Nella regione dell’Indo-Pacifico, la Francia naviga in cattive acque. A portare fuori rotta Parigi ci ha pensato l’Australia, che a metà settembre ha fatto colare a picco un contratto da 56 miliardi di euro firmato nel 2016 che prevedeva la fornitura di 12 sottomarini francesi a Canberra. Una decisione unilaterale, arrivata all’improvviso, che ha mandato su tutte le furie il presidente Emmanuel Macron. Quello che agli occhi dell’Eliseo appariva come un partner affidabile ha preso il largo in direzione di Stati Uniti e Regno Unito, con i quali ha stretto l’alleanza Aukus (acronimo di Australia, United Kingdom e United States): un accordo strategico in chiave anti-Cina che porterà Washington a rifornire l’Australia di sottomarini a propulsione nucleare con la collaborazione dei britannici.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Nato, un ruolo per l’Italia

Climate change: le diverse policy ambientali