spot_img

François Hollande, il declino di un Presidente “normale”


Gli elettori delusi hanno obbligato il Capo di Stato francese ad affidare il Governo a un potenziale rivale.

Gli elettori delusi hanno obbligato il Capo di Stato francese ad affidare il Governo a un potenziale rivale.

Francia, 6 maggio 2012: François Hollande viene eletto Presidente della Repubblica francese con il 51,64% dei voti, unico socialista oltre a François Mitterrand ad accedere a una funzione che i suoi concittadini considerano monarchica più che politica.

Simpatico, rassicurante, l’uomo che ambisce a diventare un “Presidente normale” riesce a spazzare via il (troppo) spumeggiante Nicolas Sarkozy.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Quattro anni per Aung San Suu Kyi

Usa-Cina: conflitto inevitabile

Francia, nostalgia di Indochine