spot_img

Gas, la crescita dei prezzi fa scendere in campo l’Ue: Russia nel mirino


La Commissaria all’Energia Simson apre all’indagine chiesta da Francia, Spagna, Grecia, Repubblica Ceca e Romania. Putin: "Isteria e caos"

La crescita esorbitante dei prezzi del gas è ancora al centro delle preoccupazioni dell’Europa, con 5 Paesi — Francia, Spagna, Grecia, Repubblica Ceca e Romania — che chiedono al blocco misure urgenti per contrastare una situazione che, nel lungo periodo, rischia di diventare insostenibile. I Ministri delle Finanze di Parigi, Madrid, Atene, Praga e Bucarest chiedono un’indagine effettiva per capire il perché ci si è ritrovati in questa condizione e maggiore coordinamento per accrescere il potere contrattuale di Bruxelles.

La proposta del quintetto si delinea in altrettanti 5 punti: capire perché gli attuali contratti sono insufficienti per rispondere alla domanda attuale di combustibili; la richiesta per un approccio unitario dell’Ue per affrontare l’attuale crisi; la riforma del mercato dell’elettricità; l’indipendenza energetica e la diversificazione delle fonti; una maggiore previsione dei prezzi per minore volatilità.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img

Cina: l’anno del Drago si presenta turbolento

Germania: la debacle dei partiti al governo

Colombia: la rottura di Petro con Israele

Il confine tra le due Coree torna caldissimo

Argentina: Javier Milei e la sua shock-therapy

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo