spot_img

George Floyd: chi era veramente e perché il caso ha infiammato le elezioni


Non sappiamo quanto la morte di George Floyd abbia contribuito alla sconfitta di Trump ma l’empatia generale ha prodotto le elezioni più partecipate negli ultimi 120 anni

Non sappiamo quanto la morte di George Floyd abbia contribuito alla sconfitta di Trump ma l’empatia generale ha prodotto le elezioni più partecipate negli ultimi 120 anni

Una veglia per il compleanno per George Floyd nel quartiere di Brooklyn di New York City, Stati Uniti, 14 ottobre 2020. REUTERS/Brendan McDermid

The Third Ward è un grande quartiere di case basse nella parte sud di Houston, in Texas. Edilizia popolare, mattoni rossi, era molto apprezzato negli anni ‘30 dagli afroamericani che lasciavano le altre zone nel sud degli Usa e andavano in cerca di lavoro. La vita notturna sfavillante e l’entusiasmo della prima ondata però si erano spenti presto. Come in molte altre città del Paese, le banche rifiutavano di concedere mutui per acquistare le abitazioni nel Third Ward e quindi si creava una selezione al contrario: quelle case attiravano la parte di popolazione che può pagare un affitto ma non comprare. I più poveri. Che era un modo neutro per dire gli afroamericani. Un paio di autostrade piazzate in modo strategico dal piano urbanistico per separare il quartiere dal resto della città avevano aumentato il senso di segregazione.

George Floyd: da dove veniva

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Fake news sull’Unione europea

Una mappatura dell’ascesa cinese nei Balcani occidentali