spot_img

Giandomenico Picco, il soldato disarmato della diplomazia Onu


Giandomenico Picco potrebbe diventare il primo diplomatico italiano a usufruire dell’assegno della Legge Bacchelli; pur avendo dato prestigio all'Italia, ora si trova in ristrettezze economiche

Gerardo Pelosi Gerardo Pelosi
Inviato de Il sole 24 ore dal 1990.

Giandomenico Picco potrebbe diventare il primo diplomatico italiano a usufruire dell’assegno della Legge Bacchelli; pur avendo dato prestigio all’Italia, ora si trova in ristrettezze economiche

Se la commissione della legge 440 dell’85 voluta da Bettino Craxi per aiutare Riccardo Bacchelli, autore del Mulino del Po (che si trovava in gravi difficoltà economiche), dovesse dare il via libera definitivo all’istruttoria in corso, Giandomenico Picco sarebbe il primo diplomatico italiano a usufruire dell’assegno vitalizio per chi, pur avendo dato lustro al nostro Paese nei più diversi campi di attività, si trova in ristrettezze economiche.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Dal mito alla storia, ecco la vera anima del Giappone: il “kokutai”

La crisi del Mediterraneo arabo