spot_img

Il Giappone aumenta la spesa per la difesa


Il bilancio complessivo arriverà così a 53 miliardi, comunque molto inferiore a quello cinese. L'intenzione è incrementare la deterrenza militare nei confronti di Pechino, che minaccia gli interessi giapponesi

Marco Dell'Aguzzo Marco Dell'Aguzzo
Giornalista, scrive per eastwest, Il Sole 24 Ore, il manifesto, Vanity Fair, Aspenia e Start Magazine. Si occupa di energia e di affari nordamericani.

Il bilancio complessivo arriverà così a 53 miliardi, comunque molto inferiore a quello cinese. L’intenzione è incrementare la deterrenza militare nei confronti di Pechino, che minaccia gli interessi giapponesi

Il Nikkei ha rivelato che il Governo del Giappone destinerà finanziamenti aggiuntivi alla difesa per oltre 700 miliardi di yen (circa 6,1 miliardi di dollari) nell’anno fiscale 2021. Il bilancio complessivo di questo settore arriverà così a 53 miliardi: una cifra paragonabile ai budget di Francia e Germania, ma comunque molto inferiore – circa un quarto – a quello della Cina. L’aumento della spesa per la difesa mira proprio ad accrescere la deterrenza militare di Tokyo nei confronti di Pechino, un importante socio commerciale ma anche un rivale strategico, che con le sue rivendicazioni (Taiwan, isole Senkaku) minaccia gli interessi giapponesi.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img