spot_img

Giappone, la lenta rivoluzione multikulti


Se non era successo già prima, nelle ultime settimane il mito del Giappone «paese omogeneo» è entrato definitivamente in crisi. Dallo sport ai concorsi di bellezza alla politica, i successi degli «half» — i figli di coppie miste — sono il segno più evidente del cambiamento demografico e culturale.

Se non era successo già prima, nelle ultime settimane il mito del Giappone «paese omogeneo» è entrato definitivamente in crisi. Dallo sport ai concorsi di bellezza alla politica, i successi degli «half» — i figli di coppie miste — sono il segno più evidente del cambiamento demografico e culturale.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Dal mito alla storia, ecco la vera anima del Giappone: il “kokutai”

La crisi del Mediterraneo arabo