spot_img

Giochi pericolosi a Baku


Tra spinte laiciste che vogliono frenare il possible influsso dell'integralismo islamico e pressioni dell'ingombrante vicino iraniano, che del fondamentalismo religioso si serve come arma per condizionarne la politica interna, l'Azerbaigian si trova in una delicata posizione. E cerca alleati in Occidente per proteggere le proprie risorse naturali e garantire la crescita economica.

Tra spinte laiciste che vogliono frenare il possible influsso dell’integralismo islamico e pressioni dell’ingombrante vicino iraniano, che del fondamentalismo religioso si serve come arma per condizionarne la politica interna, l’Azerbaigian si trova in una delicata posizione. E cerca alleati in Occidente per proteggere le proprie risorse naturali e garantire la crescita economica.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania