Gli oceani crescono, il Mare d’Aral scompare


Da 60mila km2 a 3.300 oggi, senza acqua le barche galleggiano su un mare di sabbia.

Da 60mila km2 a 3.300 oggi, senza acqua le barche galleggiano su un mare di sabbia.

Moynaq era un porto, adesso è meno di un’oasi nel deserto. Un puntino nel centro dell’Asia, desolato come può essere solo una cittadina ex sovietica abbandonata dall’80% dei suoi abitanti.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La variante sudafricana non esiste!

La Pop Art e la critica del sistema

Prezzi dell’energia: una politica per soluzioni durature

Usa, il Pentagono indaga sugli UFO

Autodistruzione imperiale