EN

eastwest challenge banner leaderboard

Elefanti a parte

Gli schiaffoni a Kejriwal

Indietro

Arvind Kejriwal è il leader di Aam Aadmi Party, che significa “partito dell’uomo comune”. Nomen omen, Kejriwal si è sempre impegnato a mostrare la figura di un politico vicino alla gente comune, vicinissimo. Ma qualcosa, ultimamente, è andato storto.

 Ad urne aperte la campagna elettorale continua ad impazzare e quella più divertente è di certo messa in scena dal team di Aap, impegnato in un road tour sfiancante alla ricerca di voti da rosicchiare a Bjp e Congress. Nelle ultime tappe è però tornata in voga la mania dello “schiaffone”, ovvero durante i bagni di folla di Kejriwal o compagni di partito – rigorosamente tenuti senza un servizio d’ordine ufficiale, per rimarcare la differenza tra la gente e i vip che si fanno proteggere dalla polizia – qualcuno riesce ad arrivare in prima fila, stringere la mano al politico di turno, a volte adornarlo con una ghirlanda e poi fa partire il ceffone.

Sulla tradizione indiana di iniziare una rissa a sberle si potrebbe scrivere un simpatico pamphlet illustrativo diviso in sezioni specifiche:

– Urla e avvicinamento all’avversario, con formazione di capannello di curiosi

– Minacce di violenza con sottinteso “ringrazia che c’è qualcuno che mi tiene”, anche se quel qualcuno all’inizio non c’è mai

– Gara di riflessi tra i due per la mano più veloce

– Lancio del ceffone, espressione stupita e interdetta della vittima, attesa, secondo ceffone

– Rissa, intervento del capannello, dispersione degli astanti

Tornando a Kejriwal, il leader di Aap ha collezionato ceffoni in Haryana, a Varanasi e, recentemente, qui a Delhi, quando un guidatore di riksha – base elettorale pesantemente schierata coi “grillini indiani” alle ultime elezioni locali – si è avvicinato al palchetto di Aap, ha stretto la mano al candidato premier e poi ha fatto partire lo schiaffo, inghiottito immediatamente dalla folla dei pro Aap.

I giornali si sono occupati diffusamente del fatto, soprattutto dando rilevanza alla reazione gandhiana di Kejriwal che oggi si è presentato a casa dello schiaffeggiatore per “perdonarlo”, dopo aver commentato a caldo sostenendo che la sequela di sberle pan indiane faceva parte di un più grande “complotto” per screditare il partito, siccome gli altri esponenti politici non vengono presi a sberle.

Risultato: le foto di Kejriwal che porta un bouquet di fiori al rikshawalla frustrato – arrabbiato poiché Aap non avrebbe mantenuto le promesse fatte ai guidatori di riksha nella capitale – campeggiano su tutte le homepage dei quotidiani nazionali, a corredare la professione di fede del fu aggressore, che ora considera Kejriwal “come un Dio”.

L’ilarità del tutto nasconde però un problema reale: per la legge dei grandi numeri, la probabilità di trovare un folle che non si limiti a schiaffeggiare Kejriwal aumenta ogni giorno, alimentata anche dallo spirito di emulazione. Insomma, c’è da ridere ma non troppo, come mostra questa collezione di sberloni ad Aap.

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA