EN

eastwest challenge banner leaderboard

LA NOTIZIA DEL GIORNO

Usa, sì al commercio spaziale

Indietro    Avanti

Gli Usa aprono allo sfruttamento delle risorse sulla Luna, su Marte e altri corpi celesti. Critiche dalla Russia per l’approccio privatistico verso lo spazio: “Inaccettabile”

Gli Usa aprono allo sfruttamento delle risorse spaziali. Un aereo passeggeri, con una luna piena di Harvest vista dietro. REUTERS/Toby Melville

Un aereo passeggeri, con una luna piena di Harvest vista dietro. REUTERS/Toby Melville

Con un ordine esecutivo firmato nei giorni scorsi, il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump incoraggia le imprese private all’esplorazione spaziale e allo sfruttamento delle risorse sulla Luna, su Marte e sugli altri corpi celesti, aprendo un nuovo fronte di scontro con la Russia di Vladimir Putin. Secondo l’amministrazione repubblicana, “gli americani devono avere il diritto a intraprendere esplorazioni commerciali, al recupero e all’uso delle risorse nello spazio”. Nell’ordine esecutivo viene specificato, inoltre, che lo spazio “è legalmente e fisicamente un dominio dell’attività umana che gli Stati Uniti non considerano un bene comune”.

Questo passaggio, che identifica ancora una volta l’approccio unilaterale sposato da Trump già visto in altri contesti multilaterali — l’abbandono dell’accordo sul clima di Parigi o del JCPoA sul nucleare iraniano —, non è passato inosservato, specie agli occhi dei russi. Roscosmos, l’agenzia spaziale della federazione, ha affermato che la decisione statunitense danneggia la cooperazione internazionale nell’outer space e “confligge con la nozione di spazio che appartiene all’umanità”. Quello degli Stati Uniti, per Roscosmos, è un “tentativo di espropriazione e un piano aggressivo per impadronirsi di territori su altri pianeti”. Sul caso è intervenuto anche il Cremlino: il portavoce Dmitri Peskov ha fatto sapere che “qualunque forma di privatizzazione dello spazio sarebbe considerata inaccettabile”.

Gli Stati Uniti hanno già avviato, insieme al Lussemburgo, delle iniziative legali volte alla realizzazione di una contrattualistica legata al commercio spaziale, con Washington pronta a supportare e proteggere le aziende che sfrutteranno le eventuali risorse recuperate. Sul piano del diritto internazionale, le attività svolte nello spazio sono regolamentate da alcuni trattati, non del tutto puntuali e spesso accantonati. Il trattato sullo spazio extra-atmosferico del 1967 detta alcune norme tra le quali la regolamentazione dell’esplorazione con finalità benefiche per tutti i Paesi, l’impossibilità di dichiarare sovranità sui pianeti o occuparne le superfici, l’uso della luna e gli altri corpi celesti per scopi prettamente pacifici. L’accordo che regola le attività sulla luna e gli altri corpi celesti — Agreement Governing the Activities of States on the Moon and Other Celestial Bodies — è entrato in vigore nel 1984, ma non è stato ratificato dai Paesi che effettivamente sono coinvolti nell’esplorazione spaziale come Stati Uniti, Russia, Cina.

@melonimatteo

Continua a leggere questo articolo e tutti gli altri contenuti di eastwest e eastwest.eu.

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica a € 45.
Se desideri solo l’accesso al sito e l’abbonamento alla rivista digitale, il costo per un anno è € 20

Abbonati


Hai già un abbonamento PREMIUM oppure DIGITAL+WEB? Accedi al tuo account




La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA