spot_img

Gli Usa boicottano le Olimpiadi invernali di Pechino


Gli Stati Uniti non invieranno delegazioni diplomatiche ai Giochi olimpici e potrebbero essere seguiti da Giappone, Australia e Nuova Zelanda. Pesano le accuse di crimini contro l'umanità nello Xinjiang e altri abusi dei diritti umani

Matteo Meloni Matteo Meloni
Giornalista, è membro del comitato editoriale di eastwest. Si occupa di geopolitica di Medio Oriente e Nord Africa, Stati Uniti, rapporti tra Paesi Nato, di organizzazioni internazionali. Già Addetto Stampa al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, ha lavorato come Digital Communication Adviser alla Rappresentanza Italiana presso le Nazioni Unite a New York.

Gli Stati Uniti non invieranno delegazioni diplomatiche ai Giochi olimpici e potrebbero essere seguiti da Giappone, Australia e Nuova Zelanda. Pesano le accuse di crimini contro l’umanità nello Xinjiang e altri abusi dei diritti umani

Gli Stati Uniti non invieranno delegazioni diplomatiche o rappresentanti di Washington alle Olimpiadi Invernali di Pechino. L’annuncio, dato nei giorni scorsi, è motivato sulla base del “genocidio in corso e dei crimini contro l’umanità nello Xinjiang e a causa degli altri abusi dei diritti umani”. Il messaggio rivolto al Partito comunista cinese è durissimo e rischia di avere un effetto a catena su altri Paesi alleati degli Stati Uniti, come il Giappone, l’Australia e la Nuova Zelanda, che valutano il da farsi.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img