spot_img

Il nuovo colpo di Stato in Sudan interrompe la transizione democratica


Lunedì 25 ottobre le forze armate hanno fatto irruzione nel palazzo presidenziale sciogliendo il Governo e prendendo il potere. In tutto il Paese si protesta contro i militari

Marco Cochi Marco Cochi
Da due decadi giornalista, blogger e ricercatore con focus sull'Africa sub-sahariana.

Lunedì 25 ottobre le forze armate hanno fatto irruzione nel palazzo presidenziale sciogliendo il Governo e prendendo il potere. In tutto il Paese si protesta contro i militari

Un nuovo golpe militare ha fatto nuovamente precipitare il Sudan nel caos, interrompendo il corso della transizione democratica avviata dopo la rivolta popolare dell’aprile 2019, che aveva rovesciato la dittatura di Omar al-Bashir. Tutto ha avuto inizio all’alba di lunedì 25 ottobre, quando, dopo aver bloccato le vie d’accesso a Khartoum, le forze armate hanno fatto irruzione nel nuovo palazzo presidenziale.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img