spot_img

Grandi affari, grandi ricchezze, grossi problemi


Sergei Polonsky, il magnate russo immobiliare auto esiliatosi in Cambogia, è stato messo sulla lista dei ricercati dell'Interpol su richiesta delle autorità russe.

Polonsky all’inizio di quest’anno è stato liberato su cauzione in Cambogia per aver aggredito l’equipaggio locale di una barca durante la festa di capodanno: potrebbe essere solo la storia di un russo turisto ricco e indisciplinato da qualche parte nel mondo. Ma lui non è un turista russo come gli altri in una località balneare del Sudest asiatico. Chi è Polonsky? Che storia è questa?

Sergei Polonsky, il magnate russo immobiliare auto esiliatosi in Cambogia, è stato messo sulla lista dei ricercati dell’Interpol su richiesta delle autorità russe.

Polonsky all’inizio di quest’anno è stato liberato su cauzione in Cambogia per aver aggredito l’equipaggio locale di una barca durante la festa di capodanno: potrebbe essere solo la storia di un russo turisto ricco e indisciplinato da qualche parte nel mondo. Ma lui non è un turista russo come gli altri in una località balneare del Sudest asiatico. Chi è Polonsky? Che storia è questa?

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania