Grecia, cronaca di una tragedia evitabile


Angela Merkel reca su di sé il peso maggiore per i ritardi nella concessione di aiuti ad Atene, che hanno portato il conto a gonfiarsi ripetutamente. La cancelliere tedesca ha infatti sposato fin dall’inizio la linea intransigente secondo cui è ingiusto che la Germania, dopo anni di sacrifici per guadagnare competitività, debba correre in aiuto delle “cicale” greche “che fanno festa da quando c’è l’euro”, come recita un frequente lamento di Berlino.

Angela Merkel reca su di sé il peso maggiore per i ritardi nella concessione di aiuti ad Atene, che hanno portato il conto a gonfiarsi ripetutamente. La cancelliere tedesca ha infatti sposato fin dall’inizio la linea intransigente secondo cui è ingiusto che la Germania, dopo anni di sacrifici per guadagnare competitività, debba correre in aiuto delle “cicale” greche “che fanno festa da quando c’è l’euro”, come recita un frequente lamento di Berlino.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img